granloggiascozzesefemminil
Home
Storia
Lettera della G .°. M .°.
News
Pagine Scelte
Principi Massonici
Pensieri di alcune Sorelle
Il nostro Tempio
L'amore
Foto e Multimedia
Contatti
 
 

Se avete letto la nostra storia, avete ben intuito le difficoltà, il lavoro ed il sacrificio che abbiamo riscontrato nel nostro cammino al femminile.

La massoneria si sa, nasce con un fiocco azzurro, non certamente rosa, sicuramente perché in quel tempo la situazione socio-culturale impediva alle donne ogni accesso alla vita pubblica e sociale, immaginiamo poi in un ipotetico ingresso in Massoneria…

Ma ancora oggi, a distanza di secoli, per quanto ci sforziamo di trovare dei punti in comune con l’operato dei Fratelli che possa giustificare un lavoro loggiale in comune, mai arriveremo ad una soluzione in tal senso, in quanto, il momento del lavoro nell’Officina, non può compiersi insieme , perché non si è mai pronti, proprio in virtù di una essenza umana fragile e facilmente portata all’errore, per cui troppe profanità emergerebbero, non consentite laddove deve esistere il superamento di quelle condizioni  basse che ci sforziamo di controllare ed annullare con le nostre frequentazioni; inoltre, la sensibilità femminile è diversa da quella maschile: troppi scontri e troppe polemiche nascerebbero nei lavori comuni che devono vedere solo armonia.

Non per questo la nostra è una condizione di inferiorità, anzi, ritengo che questo voler lasciare i Fratelli liberi nel lavoro che la tradizione impone al maschile, rappresenti per noi una punta di orgoglio e di rispetto nei loro confronti.

Aperte come siamo ad ogni rivisitazione delle nostre concezioni in virtù di quel V.I.T.R.I.O.L. che costituisce per noi la riflessione di ogni giorno, ci riteniamo disponibili ad ogni confronto con i Fratelli per trovare eventualmente nel tempo punti di incontro sempre più frequenti e significativi, convinte come siamo che la crescita per ognuno di noi trovi linfa nell’altro chiunque esso sia, uomo o donna.

Con grande umiltà, senza alcuna presunzione, vogliamo offrire a quelle donne che intendono avvicinarsi al mondo della Massoneria, una realtà pulita, semplice ma corretta, intensa, ricca di stimoli e di scambi culturali che arricchiscono sempre e comunque ogni individuo.  La Massoneria ha bisogno di Donne rette, leali ed intelligenti e soprattutto umili, perché nell’umiltà è racchiuso il segreto della vita.

La società ha bisogno di avere nuove generazioni al femminile preparate alla vita ed istruire nell’onestà e  nell’amore verso gli altri.

Noi vogliamo uscire fuori dal cliché della fratellanza intesa come rapporto sublime che si esercita solo fra adepti, perché crediamo che ogni essere umano è nostro Fratello e tutto ciò che diciamo nelle Logge deve arrivare nella società come un fiume in piena e toccare gli animi e le coscienze di tutti.

Questo è il messaggio che offro a nome delle Sorelle che rappresento.

                                                                                                                           

      La Gran Maestra

Elisabetta Fatima Porchia 3 .°.  33° 


Site Map