granloggiascozzesefemminil
In primo piano
Storia
Massoneria e Rinnovamento
Lettera della G .°. M .°.
Il nostro Tempio
Pagine Scelte
Principi Massonici
Macrocosmo e microcosmo
L'amore
News
Foto e Multimedia
Contatti
 Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi. 
   Con grande orgoglio ed infinità umiltà, valore su cui spesso pone l'accento la Nostra Gran Maestra in Carica Elisabetta Fatima Porchia 3.'. 33°, in data 3 Marzo 2019, nella sala congressi dell'Hotel Ariha di Rende (CS) gremita di Fratelli e Sorelle, ma anche di numerosi profani sempre più desiderosi di interfacciarsi con la nostra realtà, si è presentato il primo Libro del Grande Oriente Italiano, Obbedienza Piazza del Gesù, per volere in primis del suo Serenissimo e Potentissimo Gran Maestro Fr. Nicola Tucci 3.'. 33°, che ha aperto il convegno con un interessante e chiaro intervento sul tema "il Ruolo della Massoneria nella società moderna", sono seguiti i saluti dell'editore Falco Michele, ed i contributi dei relatori quali il Prof. Gian Pietro Calabrò, la Dott.ssa Simonetta Costanzo, il giornalista Guido Scarpino, il tutto magistralmente moderato dalla dott.ssa Emilia Luigia Pulitanò. 

Di seguito l'intervento al convegno della Serenissima e Potentissima Gran Maestra della Gran Loggia Italiana Scozzese Femminile Sr.'. Elisabetta Fatima Porchia 3.'. 33°,   che ha dato modo di far conoscere la nostra realtà con una lunga intervista riportata sul libro "Il mistero Massonico" pregna di amore per l'Istituzione, grande saggezza, innata umiltà e validi contenuti. 

INTERVENTO 

"Il tema del convegno, che apre un discorso sull’attualità della Massoneria e su ciò che rimane immutabile e sempre attuale nei suoi contenuti nelle sue finalità, non fa che ribadire ulteriormente ciò che per noi addetti ai lavori è scontato, cioè che nulla di ciò che ci è stato tramandato va disperso, ma deve essere incanalato e rivisitato per dare una luce più fresca e nuova a tutto lo splendore massonico.

 

Il libro che viene presentato nell’ambito di questo convegno, vuole raccontare solo la storia di un’Obbedienza in un momento in cui nel panorama massonico, tante e più di tante, sono le obbedienze che fioriscono ogni giorno nel prato verde della Massoneria.

Lo scopo è di far capire cos’è la tradizione, far capire che nulla si può inventare dall’oggi al domani in questo ambito; se il sapore deve essere quello di autentica massoneria, attraverso un excursus storico ben delineato nell’interno del libro dove si chiarisce anche la posizione della donna, da sempre pomo della discordia anche tra le varie obbedienze massoniche; ma noi donne che rappresentiamo già una realtà consolidata, vogliamo solo continuare a completare quel microcosmo che la persona umana rappresenta anche nella Loggia Massonica, senza clamore, in silenzio, con modestia e senso del dovere.

 

Le metafore che si usano molto spesso in Massoneria descrivono il lavoro dei componenti le Logge come un cammino arduo, difficile da compiere, perché carico di ostacoli, di impedimenti, dove il Massone deve lavorare su se stesso per sgrossare quella pietra che rappresenta la propria persona, allontanandosi sempre di più da tutto ciò che limita il perfezionamento, perseguendo una morale che prevede il rispetto di ogni essere umano, della sua libertà e cercando di applicare quanto più possibile il criterio dell’equità, per rendere tutti uguali davanti ai diritti ed ai doveri.

 

In tutto questo, la Massoneria è sempre stata ferma e chiara nel richiedere qualità e propensione dell’animo ai suoi componenti per raggiungere queste finalità e per acquisire quei valori che da sempre costituiscono i pilastri che reggono la Loggia Massonica e che, ancora oggi a distanza di secoli, rappresentano per l’uomo moderno un faro di luce da perseguire, una speranza sempre più attuale di vita migliore per le generazioni che verranno.

 

La Massoneria è una scuola di vita più che mai moderna ed attuale, perché abitua l’uomo a sapersi interfacciare con i suoi simili, con quella giusta dose di tolleranza, che consente ad ognuno di potersi esprimere in piena libertà, sapendo di non essere giudicato, ma accettato, anche se non compreso a volte.

 

Come una tartaruga, lentamente la Massoneria percorre la strada del tempo, senza fretta, ma inesorabilmente tende a progredire per adeguarsi ai tempi.

 

In tutto questo cammino, la donna ha affiancato mano mano l’uomo.

 

Non è partita insieme a lui.

 

Un lungo tratto di strada era già stato percorso dall’uomo, ma lei sta cercando di recuperare il tempo perduto per potersi interfacciare con lui in maniera sempre più consapevole.

La sua presenza, anche se potrebbe sembrare secondaria è, oggi più che mai, fondamentale, perché racchiude lo spirito della tradizione in quanto immagine della Madre Sacra per eccellenza e di tutte le Sacerdotesse che, fin dei tempi remoti, sono state il tramite tra l’umano e il divino e, soprattutto, immagine del nuovo in quanto contribuisce a creare armonia e offrire la propria sensibilità ed intuizione: doti prettamente femminili.

 

Tutto ciò nelle Logge serve perché il mondo si avvia inesorabilmente verso un’aridità di sentimenti e di palese egocentrismi.

Ogni uomo tende a chiudersi in solitudine, preso com’è dalla frenesia della vita moderna che non dà più spazio ai rapporti.

 

Coltiviamo ed alimentiamo la figura e la presenza della donna in associazioni come quelle massoniche, da ciò si può trarre solo beneficio, poi vivere in Loggia con i Fratelli o vivere un percorso da sole può essere secondario come problema, perché è importante arrivare ad un fine ultimo, tutto il resto è metodologia, anche se dal mio punto di vista e dalla mia esperienza, ritengo che le donne ancora debbano lavorare da sole, per recuperare quel tempo, quello spazio, quella strada che gli uomini hanno avuto la fortuna di utilizzare prima di noi.

 

In conclusione, vorrei esprimere questo mio personalissimo pensiero. In Massoneria la risposta più significativa che si possa offrire a chi domanda - “Chi siete”?; “Cosa fate nei Templi?”; “Non siete anacronistici con le vostre ritualità?” La risposta è una soltanto: quella che ognuno di noi, offre ogni giorno con l’esempio dei propri comportamenti e nella propria vita.

 

-La quercia chiese al mandorlo: “Parlami di Dio…”e il Mandorlo, fiorì.- 

50423321_370766893481094_6783971174121472000_n
















Copertina libro "Il mistero Massonico" di Guido Scarpino 
Edizione Falco 2019
 



 
Site Map